Home Chi siamo Porto di Oristano Mare in Burrasca Salvataggi Naufragi Link
             

 

 

PORTO DI ORISTANO
Lat. 39°52'N Long. 08°26'E

Carti Nautiche I.I.M.  n. 47 - 48 - 293

 

 

  

bullet ARCHIVIO STORICO
                                      

 La Sardegna, grazie alla collocazione unica al centro del Mediterraneo, garantisce ampie potenzialità commerciali per gli imprenditori. Oristano, situata al centro della costa occidentale dell’isola, costituiva con il suo porto il fulcro dei commerci mediterranei già al tempo dei Fenici. Il Porto di Oristano ricopre sulla rotta Suez-Gibilterra una posizione favorevole in relazione alle moderne tendenze di organizzazione dei traffici internazionali. Grazie anche alla sua collocazione al centro di una vasta area industriale, il porto è quindi uno scalo ottimale per gli insediamenti produttivi. Gli alti fondali permettono l’attracco di navi di grande stazza che attualmente non possono trovare ormeggio in nessun altro porto della Sardegna. I prodotti movimentati da Oristano sono i più vari: cereali, semola, mangimi, concimi, carbone, fibre acriliche, prodotti chimici, klinker, cemento, bentonite, argilla espansa, ferro. Il porto è in grado di soddisfare sia le esigenze del movimento marittimo in genere, con banchine atte a ricevere traffico di imbarco e sbarco per quegli insediamenti produttivi che non si affaccino direttamente sul canale navigabile, sia le esigenze di traffico prettamente industriale delle imprese ubicate lungo le sponde del canale. È infatti una delle poche realtà portuali che consente l’insediamento delle industrie a bordo banchina, con possibilità quindi di utilizzo in via esclusiva delle strutture d’accosto, di carico e scarico. Lo scalo ha alle spalle un vasto territorio pianeggiante, validamente interconnesso con le principali vie di comunicazione regionali e interregionali, ed è supportato da un sistema multimodale per la mobilità delle merci e delle persone. Allo stesso tempo è relativamente distante dai centri abitati, per cui si evitano interferenze o strozzature di traffico tipiche di altre realtà per via dell’attività composita che un porto naturalmente svolge. Le operazioni di carico e scarico e di ormeggio sono facilitate dalla protezione dello scalo inserito all’interno di un golfo, protetto in modo naturale dalla penisola del Sinis rispetto ai venti predominanti e delimitato da due bracci artificiali che creano un bacino di calma o avamporto, trattandosi di un porto canale. Presenta inoltre fondali di ben 12 metri di profondità che consentono l’attracco di navi fino a 60.000 tonnellate di stazza lorda. Il porto dispone inoltre di 20 ettari di piazzale con mezzi ed attrezzature per la movimentazione delle merci (gru mobili, carrelli elevatori, trattori) a ridosso delle aree banchinate ad utilizzazione flessibile.Dispone inoltre di un terminal per prodotti chimici e per rinfuse e due terminal Ro-Ro. Nel porto vengono forniti tutti i principali servizi: acqua, illuminazione, energia, pesatura, smaltimento rifiuti e acqua di sentina, operazioni doganali di import-export, operazioni di agenzia, servizi per contenitori, anche frigoriferi, operazioni di imbarco e sbarco e movimentazione delle merci in piazzale, operazioni di terminalizzazione dei trasporti, servizi generali e di logistica.

Per maggiori informazioni