Home Chi siamo Porto di Oristano Mare in Burrasca Salvataggi Naufragi Link
             

 

Motonave

"SANTA MARINA"

Racconto di un incredibile Salvataggio                                      

Acque a Nord Ovest dell'Asinara

20 - 21 ottobre 1974

Il mercantile "Santa Marina" matr. 5B2610 di 1.173 tonnellate, battente bandiera Cipriota, proveniente dalla Jugoslavia e diretto a Marsiglia con un carico di 1.000 tonn. di merce varia si è trovato in difficoltà per un avaria al timone mentre navigava a 50 miglia da Punta Scorno nel canale di Sardegna, tra l'Isola e la Corsica.  Condizioni meteo con vento a raffiche sino a 150 Km/h, mare sino a forza 10, un solo rimorchiatore, il "Vincente" da Portotorres, lasciò gli ormeggi mentre mezzi più imponenti rinunciarono al salvataggio per non aggiungere "tragedia a tragedia". Per compiere 6 miglia e mezzo il rimorchiatore, che pure ha una velocità di 18 nodi, impiegò ben 8 ore. Nel rapporto del Comandante del "Vincente", Giovanni Camedda", si evidenzia che le ondate arrivavano gigantesche tanto che gli alberi del "Santa Marina" li vedevano dall'alto; prima di riuscire ad agganciarsi alla nave in pericolo, sono stati spezzati ben 5 cavi da 120 millimetri, collaudati per sforzi di 32 tonnellate. La nave cipriota viene sospinta a velocità di tre nodi verso le scogliere di Punta Scorno. Quattro volte, manovrando sottovento alla nave in avaria, viene lanciato dal mezzo soccorritore un cavo di rimorchio e quattro volte il cavo si spezza. Queste operazioni durano dalle 7 del mattino alle 12,30. Il Comandante del "Santa Marina", Spyridon Messinezos, dopo lo strappo del quarto cavo, mentre la nave in pericolo si avvicina sempre più pericolosamente agli scogli dell’Asinara, scriverà nel suo rapporto: “Mi sostiene solo la grande fede in Dio e la volontà di salvare le vite umane in pericolo”. Ma a questo punto la tragedia sembra inevitabile anche perché, operando ancora da sottovento il rimorchiatore verrebbe a trovarsi fra gli scogli dell’Asinara e la nave alla deriva. Pertanto il Comandante decide di operare da sopravento, e proprio questa manovra temeraria riesce ad avere ragione di tutte le avversità e di tutti i pericoli. La nave viene finalmente agganciata senza ulteriori strappi di cavi e dopo oltre sette ore di continue manovre, rimorchiata a ridosso dell’Asinara verso la salvezza.

Spyridon Messinezos Giovanni Camedda Messinezos & Camedda Santa Marina & Vincente Santa Marina & Vincente Laurent Chambon

Forse la penna di un Conrad o di un London sarebbero riuscite a rendere chiaramente la terribile situazione di questo drammatico salvataggio. Ma un’idea più concreta di quegli interminabili momenti ce la offre il Rapporto del Comandante del "Santa Marina" più emotivo ed emozionante dello scarno rapporto del Comandante Camedda. Ecco alcuni passi.

“Come comandante di una nave ritengo che nessuno sarebbe tanto pazzo, tanto incosciente ad avventurarsi in questa terribile tempesta per venirci a salvare (…) io continuo a pregare per me e per i miei uomini, ma sono già convinto che la nostra sorte è segnata (…) Il rimorchiatore compie delle manovre che ci fanno rabbrividire. Gli uomini che sono a bordo non sappiamo più se siano angeli o diavoli (…) Sinistre, le onde si infrangono a mezzo miglio dalle rocce dell’Asinara, dove saremmo andati a finire” se finalmente il quinto cavo non avesse tenuto.

Si è accennato allo scarno Rapporto del Comandate Camedda. In due punti della narrazione egli accenna anche all’equipaggio che “pur avendo partecipato a diverse operazioni di salvataggio è scoraggiato di fronte a tanta furia” ma tace sul fatto che essendo l’equipaggio a pagliolo (cioè completamente a terra), tutte le manovre sono state svolte unicamente dal marinaio che rimane al timone, Gaspare Ottaviani, e dal Comandante che cerca, e alla fine riesce, ad agganciare la nave in pericolo traendola a salvamento. Così due soli uomini conducono a termine la più disperata delle missioni nelle acque a Nord Ovest della Sardegna.

Dichiarazione del Comandante del "Santa Marina" 

Mappa della zona del sinistro

VAI

 

Bollettino Meteo del 20 - 21 ottobre 1974 (originale)

VAI  

Rapporto del Comandante del "Santa Marina" 

Rapporto del Comandante Camedda

VAI  

Supplemento d'indagine della Capitaneria di Porto Torres

VAI  

Deposizione del Fanalista di Punta Scorno Gianfranco Massidda

VAI  

 

RASSEGNA STAMPA DEL PERIODO

Lettura articolo integrale in formato Fonte Data Titolo
La Nuova Sardegna 22/10/1974
Nave cipriota tratta in salvo dal "Vincente" - nelle Bocche di Bonifacio
La Nuova Sardegna 23/10/1974
Carica di sigarette la nave cipriota - settemila quintali - le bollette sarebbero regolari - il carico è destinato a Marsiglia - Probabile sequestro cautelativo del "Santa Marina"
Tutto Quotidiano 23/10/1974
Sulla nave "Santa Marina" i sospetti della Finanza - Il comandante greco ha esibito documenti che sembrano in regola. Si dovrà accertare se navigava fuori dalle acque sottoposte al controllo doganale italiano. Ipotesi sulla destinazione del prezioso carico. Il racconto del comandante del "Vincente". Un rimorchiatore è accorso, troppo tardi, dalla Francia
La Nuova Sardegna 24/10/1974
Sequestro cautelativo per la nave cipriota - lo ha chiesto l'armatore del "Vincente" per un valore di ottanta milioni forse si eviterà di andare in Tribunale - Legale il carico di sigarette
Questura di Sassari 09/11/1974
Encomio per il comandante Giovanni Camedda dal Questore di Sassari (Dott. Renato Voria)
Achille Onorato 02/12/1974

Sonetto del commendatore Achille Onorato

La Nuova Sardegna 03/12/1974
Dissequestrata la nave che trasportava sigarette - E' salpata ieri per Marsiglia era stata salvata da un naufragio presso l'Asinara
Rimorchiatori Sardi S.p.A. 16/01/1975
Segnalazione atto di coraggio del comandante Giovanni Camedda
La Nuova Sardegna 03/05/1978
Ha strappato al mare la vita di 300 uomini - Il Comandante Camedda insignito della più alta onorificenza marinara - Il Ministro della Marina Mercantile, Vittorino Colombo, gli consegnerà a Civitavecchia il Premio "Avanti Tutta" - La cerimonia trasmessa in TV
La Nuova Sardegna ..../05/1978
Il comandante Camedda premiato dal Ministro - Consegnandogli la medaglia d'oro dell'"Avanti Tutta" l'onorevole Colombo ne ha ricordato le doti di coraggio e altruismo alla presenza delle delegazioni dei "Marinai d'Italia"
Tutto Quotidiano ..../05/1978
Al comandante Camedda il premio "Avanti Tutta" - Gli è stato consegnato dal Ministro Colombo - Protagonista di innumerevoli atti di eroismo nei mari in burrasca attorno alla Sardegna
Corriere Mercantile 06/1978
Consegnato il Premio "Avanti Tutta" al Comandante Camedda

 

Ritorna a Salvataggi

 

 

Tharros Marittima S.r.l. soc. unipersonale
Via Bellini n. 17/a - 09170 Oristano (Sardegna)
Partita I.V.A. 00113270953
Tel./Fax +39 0783 300992

 no part of this website may be reproduced without permission

Homepage Chi siamo Porto di Oristano Mare in Burrasca Salvataggi Naufragi Link